Associazione la Cordata | Bambini Liberi
226
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-226,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Bambini Liberi

Dare la libertà a dei bimbi che si trovano rinchiusi per colpe che non hanno è il sogno che porto nel cuore dopo trent’anni che frequento le carceri dove ho visto tanti bimbi dietro le sbarre.
Da questo sogno nasce Il Progetto Bambini Liberi, che ha lo scopo di costruire una casa per accogliere mamme e bambini che si trovano in carcere o vivono situazioni di violenza. 

La casa che accoglierà le donne e i bambini e da ristrutturare e potrà disporre di 15 stanze.

La ristrutturazione è già iniziata, la prima parte della casa, dalle fondamenta al tetto compresa di muri perimetrali, è stata costruita da un’impresa del luogo. I muri interni sono quasi terminati grazie al contributo volontario di un amico che venuto da Torino si è reso disponibile a lavorare gratuitamente per portare avanti la casa. Terminati i muri arriveranno sia da Asti che da Chieri degli amici per lavorare gratuitamente alla costruzione degli impianti elettrico e idraulico. E così pian piano andiamo avanti.

Persone generose lavorano, mettono quello che sanno fare, noi dobbiamo raccogliere fondi per acquistare il materiale. Tutti insieme ce la possiamo fare!

Siamo o no una “cordata”?

Nel frattempo ringraziamo già tutti colore che con generosità ci hanno aiutato ad arrivare fino a questo punto. Chi con piccole donazione, chi con donazioni più grandi, chi con il 5×1000.

Siamo certi che il buon Dio non lascia nulla a metà e quindi terminerà quest’ opera che Lui stesso ha iniziato. Noi, abbiamo larga esperienza di quanto Lui è riuscito a compiere in questi trent’anni. Quanti giovani senza più speranza, quanti genitori sofferenti, quanti ragazzi malati, quante mamme e bambini disperati sono passati nelle nostre case. Si fermerà forse ora? No, non è il suo stile. Quindi noi andiamo avanti con fiducia e Lui continuerà a costruire.
Noi siamo/Voi siete i suoi strumenti.

Continueremo a tenervi informati su come proseguiranno i lavori grazie agli aiuti che riceveremo.

 

Chiediamo il dono della preghiera per essere docili alla voce dello Spirito Santo e compiere così ciò che è gradito a Dio.
Chiediamo la grazia di vedere sempre il Volto sofferente di Gesù nel volto del povero che viene a bussare alla nostra porta. Chiediamo la grazia di non dimenticare mai che alla fine della nostra vita saremo giudicati sull’amore.

Come aiutarci

Credo che con l’aiuto di tutti, possiamo ridare serenità e una vita migliore ai bambini che vivono diversamente dai nostri.